Il Russi riparte da Luigi Candeloro

La prima novità del Russi 2018/2019 è sulla panchina e porta il nome di Luigi Candeloro, che guiderà i falchetti nella prossima stagione. Sono bastate poche poche settimane per concretizzare la nuova guida tecnica in casa arancione.

“Sono molto felice di aver ricevuto la chiamata del Russi – spiega il nuovo allenatore dei falchetti – perché è una società con un grande blasone ed anche se avevo altre richieste devo dire che è bastato poco a convincermi”.

Candeloro, che ha vestito la maglia del Russi dai tredici ai diciotto anni fino a far parte della rosa della Serie D (tra i falchetti giocavano Torrisi e Paramatti) non nasconde la suasoddisfazione e usa parole importanti. “Per me è un onore essere arrivato in questa società, perché è un sogno di molti allenatori potersi sedere su questa panchina”.

Il tecnico lo scorso anno ha guidato la formazione Allievi 2002 della Virtus Faenza giungendo secondo nel campionato provinciale approdando ai regionali e mette già in chiaro cosa ci si dovrà aspettare per la prossima stagione. “È presto per parlare della nuova squadra, ma stiamo lavorando assieme al direttore sportivo Luca Miserocchi per concretizzare le tante idee che abbiamo. Quello che è certo e che assicuro a tutti è chedarò il massimo per riuscire a fare giocare bene e a organizzare al meglio la mia squadra. Poi sarà il campo a parlare”.

Felice della scelta anche il direttore sportivo Luca Miserocchi. “Dopo un anno con tanti errori da parte di tutti noi, avevamo bisogno di una base importante dalla quale ripartire ed abbiamo deciso di affidare la panchina ad un allenatore molto esperto. Il curriculum di Candeloro – prosegue Miserocchi – è ottimo e di tutto rispetto e va al di là delle belle stagioni con l’Alfonsine dove si è giocato la salvezza in Serie D ai play-out con una squadra che tutti davano già per spacciata”.

La partita che segna la Retrocessione

Era da tempo che il Russi non subiva un passivo così in un gara casalinga; ma oggi si è dovuto arrendere alla voglia del Progresso di conquistare i tre punti che con una combinazione di risultati ha garantito la salvezza matematica con una giornata di anticipo. Sembrava una partita diversa dalle altre al Bucci quest’oggi, con il Russi che dopo soli tre minuti si è portato in vantaggio grazie ad un tiro a giro da parte di Ricci Frabattista dal limite dell’area. Con questa rete di riaccendono le speranze di salvezza per la squadra di casa; speranze che durano solamente 10 minuti poiché al 13’ minuto il Progresso pareggia con un tiro da 25 metri di Rossi, apparentemente parato da Cenni che invece lo devia dentro la sua porta. Dopo aver pareggiato il Progresso prende fiducia e diventa padrona del campo schiacciando il Russi nella propria metà campo nel tentativo di trovare il raddoppio. Raddoppio che non tarda ad arrivare, infatti al 32’ sugli sviluppi di un corner, Rossi insacca di testa favorito dall’uscita a vuoto dell’estremo difensore arancione. Una volta in vantaggio gli ospiti diventano implacabili ed ecco che passati 10 minuti segnano il terzo gol ancora su calcio d’angolo ancora favoriti da un errore di Cenni.

Continue reading “La partita che segna la Retrocessione”

Ultima partita in casa

In occasione dell’ultima partita in casa del campionato, l’ingresso allo stadio sarà tramite offerta libera; l’intero incasso sarà devoluto alla Pubblica assistenza di Russi. Vi aspettiamo numerosi per sostenere i falchetti!!!

 

Ufficio stampa U.S. Russi

Non tutto è perduto, FORZA RAGAZZI

Un Russi con estrema necessità di fare risultato per provare a giocarsi i play-out, incontra un Castrocaro che si trova a dover difendere l’ultimo posto disponibile per i play-off. Con questa premessa era pronosticabile una partita molto difensiva e così è stato; poche sono state le grandi occasioni da rete per entrambe le squadre che hanno dovuto affrontare una partita molto tattica giocata, come detto in precedenza, molto a centrocampo senza rischiare troppo. Uno 0-0 giusto per quanto hanno fatto vedere i giocatori in campo, ma che evidenzia la grave crisi dei nostro attacco che quest’anno con soli 25 gol segnati è il peggiore attacco del campionato (escluso il San Lazzaro). Nonostante le statistiche non siano a nostro favore, nel calcio nulla è scontato, tre sono gli scontri rimasti e 9 sono i punti in palio; i giocatori ci credono ancora ed è giusto che anche noi facciamo lo stesso perché può succedere ancora di tutto; l’importante è rimanere uniti e giocarsi queste ultimi tre match da vera squadra e da vero gruppo, facendo vedere che il Russi è ancora vivo e pronto a lottare fino all’ultimo per un posto in Eccellenza!!! Forza Falchetti, crediamoci tutti fino all’ultimo!

 

Pietro Zauli

Stefano Marin