Il Riccione vince, vari gli episodi dubbi

Dopo una partita di andata molto combattuta e conclusa con un 1-2 in favore del Riccione, si sperava che il ritorno non fosse da meno; invece quest’oggi c’è stata una sola squadra in campo: il Riccione. I padroni di casa, sono in lotta per un posto nei play-off, mentre la formazione ospite, il Russi, cerca di non rientrare tra le quattro squadre dei play-out. Partita in parte condizionata da decisioni arbitrali dubbie, come in occasione dell’unica rete dove il direttore di gara non ha ravvisato un fallo, sugli sviluppi del corner, prima che la palla potesse giungere a Tamagnini per battere a rete. Da segnalare altri due episodi dubbi nell’area del Riccione dove l’arbitro, in entrambi i casi, ha deciso che non ci fossero gli estremi per il penalty. Nonostante questi episodi dubbi, i padroni di casa hanno costantemente controllato la partita senza mai esporsi a grossi rischi e creando più volte occasioni da rete, trovando però Casadio sempre pronto a evitare il doppio svantaggio. La squadra ospite ha creato ben poco, e cedendo al nervosismo, è incappata in varie ammonizioni che in questo periodo della stagione posso essere determinanti per il raggiungimento o meno della salvezza certa, senza dover affrontare gare dei play-out; da segnalare anche l’espulsione di Mister Mosconi per eccessive proteste dopo l’ennesima dubbia decisione arbitrale al 30’ minuto del secondo tempo. La partita quindi si conclude sul 1-0 per i padroni di casa che si portano a sole due lunghezze dalla zona play-off, mentre per il Russi questa sconfitta pesa poiché il Faenza, vittorioso in casa del Corticella, sorpassa i falchetti in classifica, lasciando così l’ultimo posto della zona play-out agli arancioni. Nella prossima partita il Russi affronterà la Marignanese, per cercare di uscire dalla zona calda della classifica; mentre il Riccione cercherà di portare a casa altri tre punti in casa del San Pietro in Vincoli, utili per provare il sorpasso ai danni del Castrocaro.

 

Pietro Zauli

Stefano Marin

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *