Grinta e Orgoglio, il Russi strappa un punto in 9 uomini

Dopo la vittoria esterna contro il San Lazzaro, i falchetti sono chiamati a fare un’ottima prestazione contro la seconda in classifica, il Classe. Dopo aver osservato il minuto di silenzio per Mario Sansoni, il direttore di gara da il via alle ostilità tra le due squadre. Il primo tempo non regala alcuna emozione se non l’espulsione di Ricci Frabattista per aver sputato su un avversario; l’arbitro non ha dubbi ed estrae il rosso diretto lasciando il Russi in 10 uomini. Il classe intensifica la fase offensiva per cercare di mettere con le spalle al muro i falchetti che però riescono a chiudere la prima frazione di gara in pari. Con un primo tempo così, non ci si sarebbe mai aspettati una seconda frazione di gioco così infuocata; ed ecco che dopo 10 minuti dall’inizio della ripresa il classe riesce a portarsi in vantaggio sugli sviluppi di un calcio di punizione, traversone che attraversa tutta l’area e trova capitan Rocchi, sul palo opposto, pronto a insaccare alle spalle di Casadio. Con il classe in vantaggio e in superiorità numerica la partita si fa sempre più in salita per gli arancioni; come la partita anche sugli spalti ci si infiamma e i tifosi incitano le proprie squadre a dare il meglio. L’ultima mezz’ora di gioco regala emozioni con il Classe che ha più e più volte occasione di raddoppiare ma, in tutte le occasioni la difesa fa buona guardia con un’ottimo Capitan Vasumini il quale con cattiveria e determinazione lotta su ogni pallone lanciando poi le azione offensive del Russi che nonostante l’uomo in meno riesce a creare occasioni pericolose. Proprio quando i padroni di casa sembravano in grado di impensierire la retroguardia bianco rossa ecco, che con un contropiede, gli ospiti si fanno avanti e costringono Casadio, al fallo fuori area, con annessa espulsione; ed ecco che la gara sembra oramai chiusa, è il 35′ del secondo tempo con il Russi in 9 giocatori e sotto di una rete ed un classe voglioso del raddoppio. Sembrava tutto scritto, ma i falchetti non ci stanno e nonostante la netta inferiorità numerica si lanciano all’attacco con l’orgoglio e la forza di chi sa di vestire una maglia importante come quella del Russi; la difesa ospite non organizzata al meglio concede qualche fallo di troppo al limite dell’area dal quale poi scaturirà l’azione del rigore. Minuto 43′ del secondo tempo ed ecco che l’arbitro fischia l’ennesimo fallo al limite dell’area, il numero 8 Calderoni si appresta al traversone in area, la palla sorvola l’area piena di giocatori in maglia nera nel tentativo di spingere la palla in porta, ma non è così, la palla si spegne sul fondo ma l’arbitro aveva già fischiato indicando il dischetto del rigore per un fallo ai danni di Giorgini. La responsabilità di un rigore al 44′ minuto del secondo tempo la prende Sebastiani che con freddezza si avvicina al dischetto. Fischio dell’arbitro, Sebastiani parte…. Rete pallone da una parte, portiere dall’altra. Gli ultimi 5 minuti il Russi chiude le porte al classe costringendolo al pareggio. Dopo i tre fischi del direttore di gara, giocatori e tifosi esultano come per una vittoria essendo consapevoli della grande impresa appena avvenuta poco prima sul campo del Bruno Bucci. Il Classe spreca così la possibilità di riagganciare la Savignanese fermata in casa da un 0-2 per mano del Fya Riccione. Partita dura con molte ammonizioni degli uomini arancioni che il prossimo turno saranno ospiti del Corticella senza gli squalificati Frabattista e Casadio.

 

Pietro Zauli

Stefano Marin

Ciao Mario

 

La società dell’U.S. Russi fa il suo più grande saluto a Mario Sansoni, figura di spicco della nostra società, che purtroppo ci ha lasciato quest’oggi all’età di novantasette anni.

La società desidera porgere le più sentite condoglianze    e ci tiene a ricordare che il funerale si terrà VENERDI’ 19 GENNAIO ore 14:30.

Le offerte, come voluto da Mario, saranno devolute all’Unione Sportiva Russi.

La società gli rivolge queste parole:

Ciao Mario,
Grandissimo dirigente arancione che hai vissuto sino a pochi giorni fa col pensiero rivolto sempre
alle sorti della tua squadra ed al colore, tuo simbolo, che hai onorato per tantissimi anni in tutte le
manifestazioni cui sei intervenuto in rappresentanza della società.
Istitutore della seconda divisa del Russi, perfetto organizzatore e curante nei minimi particolari
della divisa dei calciatori in campo, ci hai lasciato delle precise eredità che cercheremo di
rispettare e conservare nel tempo, sicuri che dall’alto avremo il Tuo appoggio ed il Tuo sorriso.

Dirigenti – Tecnici – Giocatori U. S. Russi

Grazie di tutto, Mario.

Precisazioni della società in merito al comunicato della lista LiberaRussi pubblicato nell’ultimo bollettino comunale

L’Unione Sportiva Russi desidera fare alcune precisazioni in merito all’intervento a firma Enrico Conti comparso sull’ultimo bollettino comunale, premettendo prima di ogni altra cosa che non è interesse ed intenzione della nostra società entrare nel dibattito politico, ma solo chiarire un punto importante.

Nel suo scritto, infatti, Enrico Conti ha definito il nuovo fabbricato degli spogliatoi “un locale per festicciole” e a tal proposito dobbiamo sottolineare che siamo molto dispiaciuti nel leggere quelle parole, perché il locale di cui si parla non è affatto un luogo in cui possono essere fatte delle feste.

Negli anni passati l’Unione Sportiva Russi aveva sempre fatto notare che la struttura del Francesco Ghigi di via Pascoli, costruita nei primi decenni del Novecento, iniziava a non essere sufficiente al grande ampliamento dell’attività. L’Amministrazione si è mostrata sensibile al problema ed ha avviato la costruzione di questo nuovo fabbricato che non è affatto un locale per feste, ma un luogo nel quale trovano spazio nuovi servizi igienici, nuovi e moderni spogliatoi per ragazzi ed arbitri, un piccolo magazzino oltre a una sala nella quale la società ha deciso di far installare due distributori automatici di cibi e bevande.

Ecco, forse quest’ultima cosa potrebbe essere interpretata come un luogo dove fare “festicciole”, ma la realtà è che quel locale, che tra l’altro durante l’attività sportiva è accessibile da chiunque, è utilizzato per riunioni tecniche tra gli allenatori e ancor di più, essendo dotato di climatizzazione, diventa un luogo nel quale genitori o ragazzi possono aspettarsi al termine dell’attività sportiva trovando riparo dalle intemperie.

Saremmo ben lieti se Enrico Conti volesse venire a vedere l’uso che ne viene fatto e, a tal proposito, lo invitiamo così come invitiamo chiunque voglia a seguire le prossime partite delle squadre del nostro settore giovanile, che nel corso di questa stagione stanno dando alla società tantissime soddisfazioni.

Unione Sportiva Russi

Il girone di andata si chiude con un pareggio

Derby “della bassa” oggi al Bucci che non ha tradito le attese. Intensità, agonismo e un Russi battagliero che non ha nulla da recriminare per un pareggio arrivato contro la terza forza del campionato e un attacco temibile composta dai fratelli Innocenti (entrambi ex falchetti).

La partita inizia con l’Alfonsine che spinge per trovare immediatamente il vantaggio impensierendo Casadio in un paio di occasioni. La partita rimane in sostanziale equilibrio fino al 41′ quando da calcio d’angolo Ricci trova la testa di Gualandi che anticipa tutti e insacca.

Nel secondo tempo gli ospiti spingono con più intensità per cercare il gol del pareggio e nel caso anche la rete del sorpasso. Al decimo arriva il pareggio di testa di Innocenti Riccardo che riporta la gara sul pareggio grazie ad un colpo di testa su cross del fratello Federico. Riporatata la gara sul pareggio sono sempre i bianco blu che spingono per trovere la vittoria ma la partita termina con un giusto pareggio.

 

Pietro Zauli

Stefano Marin